Padre Benigno Calvi, ruvida stoffa di santità

postato in: biografia, ricerca | 0

 

Padre Benigno Calvi di Santa Teresa, Angelo Calvi, Padre Gerardo Bongioanni, servo di Dio, canonizzazione, beatificazione Concesa, tubercoloma, santuario concesa, Inzago, Carlo Caldarola, suor Maria Paggi, parrocchia Concesa.
Padre Benigno Calvi, o.c.d.
Avendo esercitato le virtù in grado eroico, è considerato dalla Chiesa “Venerabile” il carmelitano Padre Benigno Calvi, di cui il popolo conserva un ricordo già santo.

«Com’è bello morire carmelitano!» fu la frase che gli chiuse le labbra nel 1937: Padre Benigno di Santa Teresa del Bambino Gesù, al secolo Angelo Calvi da Inzago, si portava 28 anni nella tomba di cui due soli da sacerdote. Eppure il Provinciale fece recitare tre «Gloria», e non un «De Profundis», ai cento confratelli rientrati al santuario mariano di Concesa per vegliarne la salma. Angelo era nato contadino a Inzago, dove fu apprendista calzolaio finché una bestemmia risuonata in bottega non gli impedì di entrarci. Passò allora in quella di un falegname, col cui figlio (l’amico Carlo Caldarola) assistette nel 1924 alla vestizione religiosa di alcuni carmelitani concesini.

Padre Benigno Calvi di Santa Teresa, Angelo Calvi, Padre Gerardo Bongioanni, servo di Dio, canonizzazione, beatificazione Concesa, tubercoloma, santuario concesa, Inzago, Carlo Caldarola, suor Maria Paggi, parrocchia Concesa.
Angelo Calvi (in alto). Nel gruppo si riconosce, ugualmente in evidenza, il padre anziano Telesforo dei Santi Gioacchino ed Anna, estensore di un memoriale non solo circa il Santuario di Concesa (Foto Archivio Santuario Carmelitano di Concesa in riproduzione presso Mario Fordiani)

Entrambi risolsero là, in quella circostanza, di consacrarsi a Dio. Carlo divenne salesiano. Angelo ricevette con lo scapolare carmelitano il nuovo nome di Fra’ Benigno, tanto invocato nelle soffitte di Torino, dove tendeva la destra ai più poveri.

Padre Benigno Calvi di Santa Teresa, Angelo Calvi, Padre Gerardo Bongioanni, servo di Dio, canonizzazione, beatificazione Concesa, tubercoloma, santuario concesa, Inzago, Carlo Caldarola, suor Maria Paggi, parrocchia Concesa.
Angelo Calvi bimbo tra le braccia del padre

Li lasciò per il chiostro lungo l’Adda, dove fu vice-maestro dei novizi, accettando in più la cura d’anime a Concesa: comunità il cui parroco era impedito dalla malattia. Ogni giorno Padre Benigno Calvi ne adempiva come vice l’impegno pastorale, salendo fino al paese la gradinata che oggi porta il suo nome. Lo faceva in silenzio, malgrado le feroci fitte all’addome che i medici fraintesero per colite. In parrocchia permetteva a una bambina minorata di saltargli al collo, «anche se gli lasciava tracce di bava sull’abito» racconta la biografia compilata da Suor Maria Paggi. Si premurava lui di accudire gli infermi o i figli delle lavandaie scese al Naviglio. Celebrò gratis un funerale di prima classe ad un bimbo, la cui famiglia non poteva pagarne nemmeno uno di terza. E sorrideva, quando chiedeva agli altri di non temere per la sua pallida salute. Lo operarono infine a Legnano ma l’addome inciso aprì su una disperata peritonite da tubercoloma.

adre Benigno Calvi di Santa Teresa, Angelo Calvi, Padre Gerardo Bongioanni, servo di Dio, canonizzazione, beatificazione Concesa, tubercoloma, santuario concesa, Inzago, Carlo Caldarola, suor Maria Paggi, parrocchia Concesa.
Prima stele funebre sulla tomba di Padre Benigno: un tempo presso il cimitero concesino, oggi nella cripta del Santuario lungo il Naviglio

Padre Benigno Calvi offrì il suo dolore a Dio per la Provincia Carmelitana, diffamata in un processo che poi la scagionò, e per le missioni dell’Ordine nel mondo. Molti trepidarono sul sagrato di Concesa finché Padre Brocardo, un anziano confratello cieco, non annunziò dalla finestra: «Tutto è finito».

adre Benigno Calvi di Santa Teresa, Angelo Calvi, Padre Gerardo Bongioanni, servo di Dio, canonizzazione, beatificazione Concesa, tubercoloma, santuario concesa, Inzago, Carlo Caldarola, suor Maria Paggi, parrocchia Concesa, Padre Gerardo Bongioanni (Foto Motta)
Padre Gerardo Bongioanni (Foto Enzo Motta)

Iniziava così la devozione popolare che padre Gerardo Bongioanni di San Giuseppe interpretò, istruendo la causa di canonizzazione per il giovane inzaghese, traslato nel 1995 dal cimitero concesino al santuario lungo l’Adda e dichiarato Venerabile cinque anni dopo.

 

______

Per approfondire: