Il segreto dell’origine e il dono dei giorni

postato in: letture, ricerca | 0
Da quando riceve l’incalcolabile dono dei giorni e delle notti, ciascuno porta in sé la propria origine come un segreto. Non radici ma affluenti, gli antenati convergono in noi: farne memoria smaschera la superstizione della solitaria purezza.
contro le radici, il lembo del mantello, l'origine del significato, Carlo Maria Martini, Carlo Sini, Maurizio Bettini, Genealogia, ricerca genealogia, abero genealogico, disegno genealogico, agostino arrivabene, superstizione origine, origini, cognomi, origine cognomi, storia famiglia, famiglia, ricerca archivio, archivio, mito purezza, razza ariana, razza, indoeuropeo, antenati, avi, ricerca antenati, ancestry, vanitas, From Darkness to Light, il sogno di Asclepio, To pathei mathos, tempo, morte, origine
Agostino ArrivabeneIl sogno di Asclepio

Anziché immaginare la nostra origine come radice, immobile e arborea, dovremmo pensarla sotto la figura del fiume che percorre e non possiede (Cfr. Maurizio Bettini, Contro le radici, 2012). Apparteniamo tutti a una terra ma è volgare credere che ci appartenga. L’immobilità del coltello nel pane non giova al pane né al coltello.

contro le radici, il lembo del mantello, l'origine del significato, Carlo Maria Martini, Carlo Sini, Maurizio Bettini, Genealogia, ricerca genealogia, abero genealogico, disegno genealogico, agostino arrivabene, superstizione origine, origini, cognomi, origine cognomi, storia famiglia, famiglia, ricerca archivio, archivio, mito purezza, razza ariana, razza, indoeuropeo, antenati, avi, ricerca antenati, ancestry, vanitas, From Darkness to Light, il sogno di Asclepio, To pathei mathos, tempo, morte, origine
Agostino ArrivabeneFrom Darkness to Light

La purezza della lingua è una presunzione ottocentesca che, clandestinamente importata in biologia, ha preteso la purezza del parlante: la primogenitura della razza ariana. Eppure, la purezza è una tara genetica per cui famiglie geograficamente o socialmente isolate praticano l’endogamia, sposando consanguinei in vario grado fino all’esaustione del cognome. Tutte le famiglie pure e originarie sono estinte. La nascita è impura.

contro le radici, il lembo del mantello, l'origine del significato, Carlo Maria Martini, Carlo Sini, Maurizio Bettini, Genealogia, ricerca genealogia, abero genealogico, disegno genealogico, agostino arrivabene, superstizione origine, origini, cognomi, origine cognomi, storia famiglia, famiglia, ricerca archivio, archivio, mito purezza, razza ariana, razza, indoeuropeo, antenati, avi, ricerca antenati, ancestry, vanitas, From Darkness to Light, il sogno di Asclepio, To pathei mathos, tempo, morte, origine
Agostino ArrivabeneVanitas
L’origine superstiziosa

Desideriamo rinvenire come un’archeologia la causa prima che ci giustifichi, ma l’origine è solo una superstizione, retroflessa da quel desiderio (Cfr. Carlo Sini, L’origine del significato, 2004). La genealogia scansa i secoli, risale il tempo senza scoprirne le sorgenti: l’inizio, il punto zero resta sempre differito e non si concede alla nostra coloniale volontà di possederlo.

contro le radici, il lembo del mantello, l'origine del significato, Carlo Maria Martini, Carlo Sini, Maurizio Bettini, Genealogia, ricerca genealogia, abero genealogico, disegno genealogico, agostino arrivabene, superstizione origine, origini, cognomi, origine cognomi, storia famiglia, famiglia, ricerca archivio, archivio, mito purezza, razza ariana, razza, indoeuropeo, antenati, avi, ricerca antenati, ancestry, vanitas, From Darkness to Light, il sogno di Asclepio, To pathei mathos, tempo, morte, origine
Agostino ArrivabeneTó páthei máthos (dal dolore il sapere)

Sono solo l’ultimo anello in un’infinita catena di morti, la prua in fiamme della nave che affonda. Ma finché sono, e potrei anche non essere, riesco a onorare l’incalcolabile dono dei giorni e delle notti? Parlo nel silenzio dei miei antenati, quasi che mi reggessero il passo da sotterra; mangio al loro digiuno, presenzio alla loro assenza: perché io sia uno in più, vengono meno loro.

contro le radici, il lembo del mantello, l'origine del significato, Carlo Maria Martini, Carlo Sini, Maurizio Bettini, Genealogia, ricerca genealogia, abero genealogico, disegno genealogico, agostino arrivabene, superstizione origine, origini, cognomi, origine cognomi, storia famiglia, famiglia, ricerca archivio, archivio, mito purezza, razza ariana, razza, indoeuropeo, antenati, avi, ricerca antenati, ancestry, vanitas, From Darkness to Light, il sogno di Asclepio, To pathei mathos, tempo, morte, origine
Agostino Arrivabene, Sacrum facere

Io sono gli altri il cui volto è la polvere“, dice Jorge Luis Borges. Per estinguere questo debito inestinguibile, alzare l’incenso del ricordo non basta. Se la mia costituzione, genealogica e plurale, procede dagli altri; il mio destino non può essere nella solitudine: io solo sono solo io. Devo rivolgere il “tu” al creato, dividere con l’Altro le cose e i pensieri, perché si moltiplichino. L’uno da solo non danza né può conoscersi; il primo numero è il Due. “Tu” è parola più originaria di “Io” (Cfr. Carlo Maria Martini, Il lembo del mantello, 2000).

Alcuni credono la parola amore discenda da a-mors, mortis: immortale come il coito, che presiede all’eternarsi della specie. Altri oppongono che il termine derivi da a-mos, moris: ingiusto come la passione che, a diversità di legge e morte, non vige per tutti ma sui due amanti soltanto. Eppure, amore non ha etimo: proviene dalle lallazioni del neonato, come la parola mamma, e pronuncia un bisogno originario. Ciascuno di noi è destinato agli Altri, dalla nascita.

__________

Ringrazio il maestro Agostino Arrivabene per la concessione a citare le sue opere.

Per approfondire: