Adda femminile, fiume dal corpo di donna

postato in: letture, ricerca | 2
L’Adda femminile: il suo nome è quello di una dea, che i Celti veneravano in forma di donna; un fiume modificato a immagine e somiglianza delle esigenza umane.
Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
Alessandro Trotti Bentivoglio, l’Adda all’incile del Martesana (1870 ca.)

Si sdraia fedele ai piedi di Trezzo l’Adda femminile che i Celti battezzano con la radice adu per indicare le acque discendenti a valle dalla confluenza dei torrenti Braulio e Viola; chiamando invece «Lexua» il tratto superiore. In Galles lo stesso idronimo battezza un fiume, venerato ugualmente in forma di antica dea.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
Alessandro Trotti Bentivoglio, Adda irruente tra Trezzo e Capriate (1870 ca.)

L’invasore romano accoglie solo il nome di pianura, Adda, aggettivandolo al maschile per indicare l’intero corso. Dal latino l’italiano eredita la disposizione a considerare virilmente tutti i fiumi ma è come liquida dea che i Celti onorano l’Adda femminile. I dialetti rivieraschi la dicono ancora tale e da questa tradizione attinge il giovane Alessandro Manzoni che, in un idillio (1803), saluta l’Adda femminile intenta a «sveller fioretti per ornarsi il seno / e le trecce stillanti». Si adegua alla grammatica italiana solo nei «Promessi Sposi» dove, valicata da Renzo, l’Adda di Trezzo parla italiano con voce maschile.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
Regina Pacis – Parrocchia di Trezzo

Eppure è sempre il fiume sinuoso e gravido di laghi che, nella parrocchia trezzese, la «Regina Pacis» offre a Gesù sotto forma d’anfora; almeno secondo l’interpretazione del prevosto don Peppino Ghezzi. Negli incerti della navigazione, anche la frazione Concesa invocava la quattrocentesca «Madonna dell’Acqua» che i custodi carmelitani chiamano «del Barcaiolo»: come se, tra donne, Adda e Vergine s’intendessero.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
La “Madonna del Barcaiolo” (Convento Carmelitano di Concesa, Trezzo sull’Adda)

Lungo il fiume frequenti devozioni mariane sembrano iscriversi su precedenti culti pagani dell’acqua al femminile: la Madonna della Rocchetta in località Porto d’Adda (MB), quella del Bosco a Imbersago, l’Addolorata alla Rocca di Aiuruno o sull’acqua in Brivio (LC). Il popolo riservava un timore con le mani giunte all’Adda irruente, che solo argini e dighe idroelettriche seppero finalmente disciplinare tra Otto e Novecento.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
L’Adda vista da cascina Portesana

La corrente fluviale ha spesso variato calligrafia. Si chiamava Trizio il lago che, in epoca remota, defluì lasciando solo l’Adda femminile in fondo alle vertigini in ceppo che lo contenevano. A liberare la freccia del fiume fu così un arco lacustre. Ne sopravvive, cariata dalle cave, la parete della «Rundanéra» tra Trezzo e Cornate. Alla sua quota sorse alto l’ospizio benedettino di Portesana: un «portus sanus», appunto, rifugio salubre dagli acquitrini rimasti.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
La Saliccia di Trezzo nel 1902 (Foto Bassi)

Ma il Catasto Teresiano restituisce altre settecentesche divergenze all’idrografia attuale. Dopo la «Canottieri Tritium», nell’Adda femminile sfociava l’oggi assetato canale che il dialetto chiama «cavum»: una roggia proveniente da Colnago, sfiorando le cascine Nuova e Rocca. Poco più a Nord, il fiume s’insinuava nell’argine fino all’oratorio silvestre di Sant’Agostino, votato da Michele Mazza dove la pestilenza lasciò i «mort dala cava». La pioggia insistente può riaprire i due antichi canali.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
L’unico salice superstite della “Saliccia” d’Adda

Prossima a Cascina Belvedere emergeva invece dall’acqua una «Isola e pascolo del Sig. Conte Cavenago ma a livello dalla Communità di Trezzo»: un affioramento cui i salici valsero il nome di «Saliggia» (poi «Saliccia»). Sul cadere dell’800 il candeggio Zaccaria, allora Medici, ci stendeva le tele da sbiancare. Furono le opere di sbarramento intraprese poco dopo a innalzare l’Adda trezzese, che inghiottì così l’isolotto di 44 pertiche. Ne scomparvero anzi altri tre, più piccoli: uno (la «Saliggetta») a ridosso del primo, dove ancora un salice sorge dal fiume; e i restanti all’ex-priorato di San Benedetto cui appartenevano. L’attività degli Zaccaria, originari di Valgreghentino, si ritirò così sulla riva milanese.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
San Gervasio – Albero dell’argine inabissato

Antenata del mare, l’Adda femminile acquistava l’assetto odierno ma a viverla erano lavandaie, pescatori o i clienti del «Gila» (Ciocca) e del «Cantum» (Colombo), che noleggiavano 24 barche in legno. Il pescatico attorno alla centrale Taccani era versato dai Peregod’Alèsi»), dai Baggioli quello tra il lavatoio e Belvedere. Qui abitavano i ComottiChinài») che avevano la concessione fino alla «Sorgente XXIV Maggio», «funtanìn» bergamasco e confine delle acque affittate ai Carozzi di San Benedetto da lì alla «Rundanéra». Proseguendo, l’Adda femminile spettava a Villa «Primìn». Chiunque poteva pescare con una canna: tre pezzi di bambù infilati e drizzati sul fuoco, la cui montatura si chiamava «sadagnìn». Ma solo queste famiglie gettavano le reti nelle correnti affidate loro. Lo facevano da battelli che Angelo Moioli «strafói» (balbuziente) fu il primo a realizzare in ferro.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
Il noleggio barche sull’Adda trezzese, oggi dismesso

Le truppe naziste affidarono alle squadre TODT di ampliare l’Alzaia trezzese. Quella bergamasca, cesellata appena nella sterpaglia, scandiva invece radure come «Cava di Spagnöo» (spagnoli), «Cava dal Bess» (serpente). E, prima del «funtanìn», il «Cepp Niculìn»: un enorme masso sul cui vicino fondale due piante abbattute lasciarono radicati i loro ceppi. Da oltre un secolo stanno sotto il fiume di cui segnarono l’argine bergamasco finché la diga non le sommerse.

Fiume adda, adda femminile, adda donna, storia adda, storia fiume adda, pesca adda, turismo adda, visite adda, navigazione adda, navigare l’adda, trezzo, storia trezzo, bottanuco, storia bottanuco, santa maria della visitazione, cerro, storia cerro, vita adda, tradizioni adda, adda femminile, adda galles, adda manzoni, alessandro manzoni, idillio adda, genere adda, dea adda, adda, alessandro trotti bentivoglio, saliccia, saliccetta, isole adda, madonna adda, madonna del barcaiolo, madonna airuno, madonna della rocchetta, rondanera, ceppo d’adda, cascina portesana, canottieri tritium, conte cavenago, candeggio zaccaria, famiglia zaccaria, tedeschi adda, todt, cascina belvedere, cascina portesana, relitti adda, argine vecchio, centrali adda
Relitto in Adda

Distano circa 3 m da quello attuale, un tempo echeggiante di filastrocche come: «Milanes, ces ces / i va in cesa des per des / ‘enian föra du per du / Milanes gratacü»; fastidiosi cioè come il cinorrodo irsuto di rosa canina che, mangiato a crudo, provoca i pruriti da cui il nome. Erano i bimbi di San Gervasio, cui ribattevano quelli trezzesi: «Bergamasch biôt e grass / quan ca ‘l pisa fa fracass / quan ca ‘l mena la pulenta / fa girà ‘l butum dal ventar». Più che parole, echi.

Per approfondire:

2 risposte

  1. grazie! un approfondimento prezioso

    • Cristian Bonomi
      Cristian Bonomi

      Grazie a te, Valentina! E alla prossima gita lungo il nostro fiume, che è poi quello cui apparteniamo.